Blog: http://SOVIET.ilcannocchiale.it

LA SINISTRA DANDINIANA e IL RUBACUORI

Com'è difficile essere coerenti. Com'è difficile valutare bene il peso delle proprie parole e delle azioni connesse. Pensiamo ad esempio a quello che succede a Roma, tra le fila della potentissima Lobby Dandiniana, vera deux ex machina assieme al feroce e bonario Goffredo Bettini della macchina da guerra elettoral\amministrativa del Walter ormai nazionale. L'apparato salottiero, nella stragrande maggioranza dei suoi aderenti, è impegnato nel sostegno a Rutelli per il ritorno in Campidoglio. Bene, tra le tante iniziative di questo periodo, segnalo un concerto in cui si esibiranno Alex Britti, Velvet e, dulcis in fundo, Tiromancino.

Parliamo allora dei Tiromancino. Il buon Zampaglione ha fatto parlare le cronache nazional\popolari sanremesi e non per il suo brano, Il Rubacuori, che parlava della tragedia dei licenziamenti e della figura del manager tagliatore di teste. Un pezzo "di parte", nel senso buono del termine. Non posso dubitare della buona fede dell'artista. Su un tema simile credo che il coinvolgimento sia umano, laddove c'è ancora dell'umano. Ha scritto quel pezzo perchè sentiva su di se il peso di quelle esistenze lacerate E' il compito dell'artista, in un certo senso, no?
Veniamo al punto: Zampaglione si esibirà, come dicevo, a sostegno di Rutelli.

Rutelli è amico e sponsor di Alberto Tripi, campione nostrano di macelleria sociale.

Alberto Tripi, re dei Call Center, padrone della finanziaria Almaviva e della COS, che possiede , tra l'altro, Atesia, è un capitalista all’italiana. Liberista a chiacchiere, dipende dalle commesse pubbliche statali e regionali e da quelle para-pubbliche della Telecom, ma gestisce le sue aziende come un “padrone delle ferriere” ottocentesco, con condizioni di lavoro inumane, salari di fame, mobbing permanente, spietati licenziamenti di chi protesta. Ha cacciato 36 lavoratrici di XCOS perché avevano organizzato un Cobas. Ai giovani del Collettivo precari Atesia, che coraggiosamente scioperavano con l’80-90% di adesioni per un posto di lavoro stabile e salari decenti, ha risposto con la "repressione più brutale" (traduzione:licenziamenti) e con un ignobile contratto, sciaguratamente sottoscritto da Cgil-Cisl-Uil. Nel contempo, durante il Governo amico(suo) batteva cassa al Ministero del Lavoro: perché Tripi era sponsor della Margherita, ora convogliato sul PD e grande sostenitore di Rutelli, e questi ricambiava con commesse milionarie. Il resto viene da se. Conclusione?

Rutelli sponsorizza Tripi che "ruba i cuori" a centinaia di famiglie, caro Zampaglione.
Il resto viene da se...

Pubblicato il 9/4/2008 alle 13.30 nella rubrica TEORIA & PRASSI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web